Dormire e dimagrire.

CICCIONISSIMO

Scoperti i meccanismi che regolano la temperatura corporea durante un ciclo circadiano. La maggiore o minore temperatura del corpo dipende dalla Rev-Erb alfa, una proteina prodotta dalle cellule del grasso bruno, deputato a bruciare i cd. grassi bianchi. Un’ interessante ricerca dell’University of Pennsylvania che aiuterà la scienza a trovare nuovi strumenti per sconfiggere l’obesità, anche mentre si dorme

di Marco Caffarello

Alzi la mano chi non vorrebbe dimagrire durante il sonno. Sarebbe, infatti, un sogno, sopratutto per chi ha problemi di peso e di diabete, pensare alla propria linea, e salute, quando si ozia. Ma, ahimè, nella realtà fenomenica e dei cicli circadiani del metabolismo avviene esattamente il contrario: quando infatti dormiamo il nostro organismo reagisce abbassando la temperatura corporea, ciò per preservare le energie immagazzinate durante le ore del giorno, e più che ‘dimagrire’, infatti ‘ingrassiamo’. E’ un risultato tra l’altro a cui ha condotto la stessa evoluzione che, in base anche a ciò che esperirono i nostri antenati che si procacciavano il cibo, e chissà per quanto tempo gli sarebbe dovuto bastare, ha progettato sofisticati cicli di regolazione della temperatura corporea, che oltre a difenderci dal freddo, ha anche la funzione di ‘regolare’ il nostro consumo energetico. Il nostro corpo infatti ha una temperatura più alta durante le ore diurne, e una più bassa durante la notte, ciò, oltre a renderci ‘compatibili’ con l’ambiente esterno, per preservare le stesse energie che saranno consumate il giorno avvenire. E’ anche una legge della termodinamica: se il nostro corpo dovesse, infatti, avere una temperatura superiore durante la notte rispetto all’ambiente circostante, ciò significherebbe anche un maggior dispendio delle energie che sarebbero impiegate per avere una temperatura superiore a quella esterna, con buona pace dunque per la conservazione delle stesse riserve energetiche. Ma così non avviene: durante le ore del sonno infatti la temperatura del corpo si abbassa, e se questo comportamento ha avuto il merito di preservare la stessa evoluzione della specie, nei tempi moderni, dove certamente procacciarsi il cibo non costituisce più un problema, ciò favorisce inevitabilmente lo sviluppo’ dell’obesità e di altre patologie ad essa associate, come il diabete. Ebbene, se fino ad oggi del tutto ignoti erano i meccanismi che regolavano il ciclo circadiano della temperatura corporea, grazie ad una ricerca della University of Pennsylvania School of Medicine, USA, pubblicata per l’autorevole rivista internazionale Nature, ne è stata rivelata una delle ragioni: questi infatti vengono a dipendere dall’attività di una specifica proteina, la Rev-Erb alfa, nota anche come NR1D1, una proteina espressa nei tessuti adiposi e particolarmente presente nei processi di adipogenesi, ossia nei meccanismi di formazione dei grassi. Questa proteina, spiegano i ricercatori, ha infatti la capacità di regolare e controllare la temperatura corporea durante le fasi del ciclo metabolico, in base alla sua stessa maggiore o minore concentrazione. In pratica la tolleranza al freddo è legata ad una minore concentrazione della Rev-Erb alfa, e così il suo contrario. Lasquadra dell’University of Pennsylvania ha compreso dunque che Rev- erb alfa agisce come un ‘termometro’ per la regolazione e ‘composizione’ della temperatura del corpo ed è, quindi, necessaria per stabilire e mantenere il ritmo circadiano della temperatura corporea. Dato che la proteina è prodotta in particolare da una specifica natura dei grassi, i cd grassi bruni, che al contrario delle cellule adipose bianche, ‘magazini’ di energia, hanno la funzione di bruciare i tessuti adiposi e generare così calore per il corpo (si pensa infatti si siano evoluti per aiutare i mammiferi qual è l’uomo a far fronte al freddo), la scommessa dell’equipe è dunque che la regolazione della funzione termogenica del tessuto adiposo bruno possa contrastare l’obesità e le malattie che ne derivano. Esperimenti su topi da laboratorio lo confermano: anche nei topi la capacità di regolare la temperatura è infatti associata alla proteina Rev-erb alfa a livello del tessuto adiposo bruno. Quando ai ratti è stata sottratta tale proteina il ciclo circadiano della temperatura corporea non ha infatti subito variazioni nell’arco della giornata, sopratutto durante le ore notturne, e ciò inevitabilmente ha avuto conseguenze anche nel consumo delle riserve energetiche di grasso bianco. La conoscenza dei meccanismi che regolano la temperatura corporea durante la notte può quindi aiutare la scienza a trovare un modo per bruciare calorie mentre la gente dorme.
Il cibo è abbondante nella nostra società attuale”, spiega Mitchell A. Lazare, ricercatore per l’Unversity of Pennsylvania,” per la maggior parte delle persone è improbabile che vi sia un vantaggio di risparmio di calorie durante la notte. Se questo stesso meccanismo di regolazione della temperatura corporea esiste nelle persone, e siamo in grado di indirizzarlo in modo sicuro, potremmo avere un nuovo modo per combattere l’obesità e le sue condizioni come il diabete e la malattia di cuore”, conclude. Quando infatti ai ratti è stata sottratta la proteina regolatrice dei cicli circadiani della temperatura corporea, si sono registrati più alte concentrazioni di grasso bruno ed anche una temperatura costante del corpo, perchè la perdita genetica della Rev- erbα alfa abolisce il normale ritmo della temperatura corporea e conseguentemente a ciò della spesa energetica. In conclusione, anche se la riduzione della temperatura corporea ha giocato un ruolo per la sopravvivenza della specie durante l’evoluzione perchè consente di conservare riserve energiche, nei tempi moderni, dove procacciarsi il cibo non è più un problema, la riduzione della temperatura del corpo durante le ore del sonno, e così una riduzione complessiva del metabolismo, costituiscono un ‘ponte’ per l’obesità e la conoscenza dei meccanismi che regolano la temperatura corporea durante le ore del sonno possono quindi aiutare a trovare una strada che condurrà a bruciare calorie e grassi mentre la gente dorme, trovando nuovi strumenti con i quali ridurre l’obesità, tanto della persona, quanto come ‘ fenomeno mondiale’.

 http://www.eurekalert.org/pub_releases/2013-10/uops-cnp102413.php

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...