OKkio alla SALUTE: aggiornamento dati sull’obesità infantile in Italia

Il Ministero della Salute dichiara che in Italia il problema di eccesso di peso riguarda 1 bambino su 3. Lo confermano gli ultimi numeri a disposizione, raccolti durante il secondo monitoraggio nazionale del 2010. In corso la terza rilevazione, iniziata a marzo

Per comprendere la dimensione del problema dell’eccesso di peso tra i bambini in Italia, nel 2007 il Ministero della Salute ha promosso e finanziato il progetto “Sistema di indagini sui rischi comportamentali in età 6-17 anni”, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con le Regioni, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con l’INRAN e le Università di Torino, Siena e Padova. Nell’ambito del progetto è stato sviluppato “OKkio alla SALUTE”, il sistema di sorveglianza sullo stato ponderale (cioè sul peso corporeo) e i comportamenti a rischio nei bambini delle scuole primarie, collegato al programma europeo “Guadagnare salute” e ai Piani di Prevenzione nazionali e regionali. L’iniziativa fa anche parte del progetto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Regione Europea “Childhood Obesity Surveillance Initiative”.

OKkio alla SALUTE prevede una raccolta dati ogni due anni. Permette di descrivere la variabilità geografica e l’evoluzione nel tempo dello stato ponderale, degli stili alimentari e dell’abitudine all’esercizio fisico dei bambini tra i 6 e i 10 anni. Inoltre il progetto monitora le attività scolastiche a favore di una sana nutrizione e dell’attività fisica.

Attualmente non abbiamo numeri aggiornati al 2012, perché la terza rilevazione del sistema di sorveglianza è cominciata nel mese di marzo ed è ancora in corso. Ecco i principali risultati della seconda raccolta dati, avvenuta tra aprile e giugno 2010. Gli operatori di OKkio alla SALUTE hanno coinvolto 2.416 classi terze della scuola primaria distribuite in tutte le regioni italiane (ad eccezione della Regione Lombardia, che ha aderito con la sola Asl di Milano). I dati confermano livelli preoccupanti di eccesso ponderale (sovrappeso e obesità): il 22,9% dei bambini misurati è risultato in sovrappeso e l’11,1% in condizioni di obesità. Si evidenzia, inoltre, una spiccata variabilità interregionale, con percentuali tendenzialmente più basse nell’Italia settentrionale e più alte nel Sud: dal 15% di sovrappeso e obesità nella Provincia Autonoma di Bolzano al 48% in Campania. Applicando le stime all’intera popolazione di alunni della scuola primaria, il numero di bambini in eccesso ponderale sarebbe pari a circa 1 milione e centomila, di cui quasi 400 mila obesi.

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_newsAree_1286_listaFile_itemName_16_file.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...