Disposti a tutto per dimagrire, anche all’ingengneria genetica

di Elena Valli

Recenti studi su topi geneticamente modificati hanno messo in luce che basterebbe limitare la produzione di un endocannabinoide, coinvolto nel metabolismo energetico, per evitare i chili di troppo e rimanere magri, pur consumando molti cibi grassi

Il vero sogno proibito degli italiani? Poter mangiare di tutto senza ingrassare! Un’utopia? Forse non tanto, almeno non per i topi di laboratorio. Un recente studio pubblicato sulla rivista “Cell Metabolism”, che vede coinvolte le Università di Yale, della California a Irne e l’Università Politecnica delle Marche, ha trovato il vero responsabile della ciccia in eccesso: l’endocannabinoide 2 – AG, generato in maniera naturale dal cervello di tutti i mammiferi. Riducendo sensibilmente la sua produzione, non solo si smetterebbe di ingrassare, ma si arriverebbe a perdere anche i chili di troppo.

I ricercatori dei tre atenei, sotto la guida di Daniele Piomelli, professore di farmacologia dell’Università della California, hanno prodotto topi geneticamente modificati, ibridandoli con celle manipolate. In questo modo gli scienziati hanno potuto ingengerizzare i neuroni del lobo frontale delle loro cavie per ridurre la produzione dell’endocannabinoide 2 – AG. Le cavie così trattate risultano essere più snelle rispetto alle altre con patrimonio genetico inalterato, pur cibandosi di cibi grassi e movendosi molto poco. Inoltre, gli studiosi hanno osservato che non sono soggetti allo svilupparsi di alcuna sindrome metabolica: niente diabete e zero ipertensione, sono dunque, oltre che magri, anche sani.

Questo risultato, così sorprendente, si deve al fatto che i topi sottoposti a ingegneria genetica consumano più calorie. Il loro tessuto adiposo bruno produce infatti moltissimo calore, essendo sottoposto a un ritmo metabolico decisamente più elevato rispetto a quello dei loro simili con patrimonio genetico inalterato.

Tutto questo calore liberato è proprio il  prodotto della riduzione dell’endocannabinoide 2 – AG, che ha il compito di controllare l’attività dei circuiti neurali del proencefalo coinvolti nella gestione e nel consumo di energia. In altri termini ha un ruolo fondamentale nel “mettere da parte” il tessuto adiposo bruno”, che serve per poter mantenere la temperatura del corpo costante. Ma, mentre negli animali che vanno in letargo questo tessuto è utilissimo a scaldare il proprio corpo nei periodi più freddi, nell’uomo adulto risulta essere superfluo e antiestetico. Il nostro organismo è infatti caratterizzato da un ottimo sistema di omeostasi, che permette, (fra le altre cose), alla temperatura interna di rimanere fissa a 37° C, nonostante le condizioni climatiche esterne.

“Sapevamo che gli endocannabinoidi hanno un ruolo cruciale nella regolazione del metabolismo,ma questa è la prima volta che troviamo a che livello ciò avviene”, commenta Daniele Piomelli. Ma da qui ad affermare che l’abbassamento dei livelli di 2 – AG possa diventare un nuovo bersaglio terapeutico per combattere sovrappeso e obesità anche nell’uomo, il passo è lungo. L’ibridazione del cervello umano tramite celle manipolate, per ora, è davvero impensabile.

Perciò, nel frattempo, per dimagrire si dovrà ricorrere ai vecchi metodi: mangiare poco e liberare quanto più calore possibile nell’unico modo conosciuto: muoversi.

Fonte: ”2 – Arachidonoylglycerol Signaling in Forebrain Regulates Systemic Energy Metabolism”; Cell Metabolism, Volume 15; issue 3, 299 – 310, 7 March 2012

Annunci

Un pensiero su “Disposti a tutto per dimagrire, anche all’ingengneria genetica

  1. incredibile scoperta Ely! Grazie di metterci a conoscenza di queste ricerche scientifiche! sempre molto interessanti. Mi limito a dire che tale efficace soluzione di benessere sarebbe il sogno di ogni essere vivente residente sulla Terra, ma non credi che la sua diffusione porterebbe notevoli perdite economiche nel campo dell’industria della cosmesi, della medicina estetica ed alimentare, etc..Saluti Manu.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...